Albissola-Siena 3-2, top & flop del match

di Tutto Siena Calcio
Vedi letture
Foto
Ecco i top e flop dell'incontro a cura di tuttoc.com TOP Riccardo Martignago (Albissola): che cosa ci fa in terza serie un giocatore del genere? Dribbla gli avversari come fossero birilli. Nell'uno contro uno, sai già che ti salta e devi sempre rincorrerlo. Senso della posizione, tecnica sopraffina e numeri d'alta classe. Undici goal in stagione per l'ex giocatore del Pordenone. Ma fossero solo i goal...! Qualità pazzesca per il numero dieci dei ponentini: un fuoriclasse per la categoria. E a fine stagione potrebbe lasciare i ceramisti per giocare nella seconda serie nazionale. Non c'è Cais, ma ci pensa lui a metterla dentro! GIOCATORE D'ALTRA CATEGORIA Nessuno per la Robur Siena: la doppietta di Gliozzi non è necessaria a nostro parere per concedere all'attaccante bianconero la palma di migliore dei suoi. La squadra toscana quest'oggi aveva un solo risultato a disposizione: la vittoria, e sono arrivati 0 punti dalla trasferta ligure contro una squadra in piena crisi di risultati. Prestazione sottotono di tutta la truppa di Mignani che deve assolutamente rimediare ad una situazione particolarmente negativa per la Robur: contro "le piccole" il Siena soffre e subisce davvero tanto. 3 goal dalla Pistoiese, 3 dall'Arzachena e 3 (potevano essere anche quattro!, ndr) quest'oggi dall'Albissola. NON CI SIAMO FLOP Nessuno per l'Albissola: che cosa dire a questi ragazzi? Pazzeschi per tutto l'arco dei novanta minuti. Se nella prima frazione i ceramisti soffrono la forte spinta degli ospiti, apparsi lucidi e maggiormente volenterosi, sebbene non troppo incisivi in fase offensiva, nella ripresa l'inerzia del match cambia notevolmente e i liguri annientano una squadra che lotta, quantomeno dovrebbe, lottare per i piani alti della graduatoria del girone. E ora appuntamento giovedì prossimo, per uno scontro diretto decisivo contro il Cuneo. MA CHE BELLA QUESTA ALBISSOLA! Tutta la Robur Siena: prestazione a dir poco deludente di una formazione costruita per il salto di categoria, che viene praticamente annullata dalla truppa di Lavezzini. Incredibile come, dopo un primo tempo giocato ad altissimi livelli, la squadra si abbassi e non riesca più a ripartire, concedendo numerosissime opportunità ad un roster tecnicamente molto inferiore e alla disperata ricerca di punti per evitare la retrocessione in quarta serie. Reagire è d'obbligo, se la Robur vuole provare ad essere protagonista in questo finale di stagione. Perché, dopo la regular season, ci sono i play off. COSì NON VA ASSOLUTAMENTE
Altre notizie
Venerdì 19 Aprile
Giovedì 18 Aprile